Catania-Lecce: le probabili formazioni

Catania-Lecce
Catania-Lecce
- 48869 letture

È già tempo di big match per Catania e Lecce che arrivano con due animi diversi a questa importante partita che ha tutto il sapore di una categoria superiore. Il Catania arriva dopo i primi due risultati deludenti e cerca il riscatto con una delle principali avversarie candidate alla vittoria finale, mentre i giallorossi arrivano dopo l'importante vittoria con il Trapani anche se hanno dovuto fare i conti con infortuni e squalifiche. Vediamo insieme le probabili formazioni delle due squadre.

CATANIA: Mister Lucarelli potrà contare sull'esperto Lodi dopo la preoccupazione per un suo infortunio, allarme poi rientrato subito. Settimana di silenzio stampa per cercare di stemperare gli animi e arrivare sereni all'importante sfida con il Lecce. Probabile quindi che i rossoblù si schiereranno con il 3-5-2 con Pisseri in porta, in difesa Aya, Tedeschi e Marchese, Semenzato e Djordjevic esterni di centrocampo, mentre i centrali saranno Lodi, Fornito e Di Grazia. In attacco Russotto e ballottaggio tra Curiale e Ripa con il primo favorito per un posto da titolare.

LECCE: Mister Rizzo ha recuperato Antonio Marino e Mario Pacilli, mentre non potrà contare su Costa Ferreira rimasto a Lecce per recuperare meglio dall'infortunio che gli da problemi da qualche settimana e Di Piazza squalificato per quattro turni dal giudice sportivo. Gran parte della formazione che ha battuto il Trapani sarà riconfermata. In porta Perucchini, difesa a quattro con Ciancio, Cosenza, Marino e Di Matteo, centrocampo a tre con Mancosu, Arrigoni e Armellino, mentre il tridente offensivo sarà composto da Torromino, Caturano e Lepore, con Pacilli che probabilmente entrerà a gara in corso.

Catania(3-5-2): Pisseri, Aya, Tedeschi, Marchese, Semenzato, Lodi, Fornito, Di Grazia, Djordjevic, Russotto, Curiale(Ripa). All. Lucarelli.

Lecce(4-3-3): Perucchini, Ciancio, Cosenza, Marino, Di Matteo, Mancosu, Arrigoni, Armellino, Lepore, Caturano, Torromino. All. Rizzo.

Arbitro: Massimi di Termoli.

Matteo Pagano