Lucarelli:"Leonzio?la partita più difficile da qui fino al termine"

Cristiano Lucarelli
Cristiano Lucarelli

L’allenatore etneo, Cristiano Lucarelli, è intervenuto presso la sala stampa, di Torre del Grifo, per commentare insieme ai giornalisti le condizioni dei suoi uomini in vista del match contro la Sicula Leonzio.  

Vi proponiamo uno stralcio delle dichiarazioni del centrocampista rossazzurro:

SICULA LEONZIO: “Credo che nelle due partite che abbiamo fatto, sia in coppa Italia e sia in campionato, contro la Sicula Leonzio, abbiamo riscontrato che è la squadra che ha portato più a nudo alcuni dei nostri difetti. Viene da se capire che domenica sarà la partita più difficile, da qui e fino alla fine del campionato. Come accade spesso,inoltre,  andiamo ad inaugurare un altro campo. La Sicula Leonzio merita di giocare nel suo stadio, ed sul finale di stagione ho avuto anche la possibilità di allenarla. E’ una società che mi sta simpatica con gente giovane ed ambiziosa. Tuttavia non mi si dica che giocare a Lentini di fronte a 5000 tifosi festanti e la stessa cosa di giocare con la Leonzio al “Massimino” con circa 200 tifosi. Non è la stessa cosa. Così come affrontare la Juve Stabia a Castellammare di Stabia invece che a Caserta. Questa partita assume dei coefficienti di difficoltà enormi. Mister Diana sia a me che al Catania ha tirato dei brutti scherzi la passata stagione e sappiamo che la Leonzio contro il Catania da sempre il meglio di se. Se dovessimo vincere,  supereremmo l’ostacolo più duro da qui fino al 6 maggio. Comunque sia noi abbiamo la forza per poterla vincere, nel rispetto dell’avversario.”

EQUILIBRIO TATTICO: “Il nostro equilibrio tattico ci ha dato un buon riscontro sul campo. In 26 partite siamo andati a rete 23. E’ un dato che abbiamo analizzato e deve fare riflettere anche se non sempre i numeri non sono veritieri. La partita di andata sicuramente ci ha tolto qualche certezza ed ha generato delle paure, ma adesso nell’approccio, fisica, tattica e mentale dobbiamo fare una grande prestazione. Poi ho dei ragazzi che con avversari ostici si sono esaltati.“

LODI ESTERNO: “Con il Siracusa è venuta fuori questa situazione con Biagianti centrale e Lodi esterno. E’ vero che in quella posizione Lodi non avrà un calciatore fisso che lo marca, ma è anche vero che non giocherebbe nella posizione ideale per poter concretizzare le sue giocate, che fanno la differenza. Tuttavia con Biagianti abbiamo la possibilità di giocare con 4 difensori.”

DI GRAZIA E RUSSOTTO: “Russoto va gestito per evitare ricadute che potrebbero essere letali. Anche perché mancano 2 mesi ed un ulteriore infortunio sarebbe la fine. Lo convocherò per fargli assaggiare il campo e le sensazioni pre-gara. Ha fatto solo due allenamenti, non è a disposizione nel termine della parola. E’ più corretto dire che Russotto è rientrato con il gruppo.  Di Grazia ha avuto un contatto con Bogdan, non so se potrà allenarsi con noi o debba proseguire il lavoro differenziato. Purtroppo sto ragazzo ne ha sempre una.”

IL CATANIA: Il mio Catania è una squadra pirata! una squadra a cui tutti vogliono fare la pelle ma che in realtà non ci riescono. Ma per essere così non dobbiamo sottovalutare nessuno.

foto,fonte:livestream CalcioCatania.it

Antonio Rapisarda