Biancavilla, Pidatella: "Serie D? Ogni errore lo paghi a caro prezzo" - I AM CALCIO CATANIA

Biancavilla, Pidatella: "Serie D? Ogni errore lo paghi a caro prezzo"

Orazio Pidatella
Orazio Pidatella
CataniaSerie D Girone I

Sei punti in tre partite, frutto di due vittorie e una sconfitta. Quest'ultima arrivata domenica scorsa sul campo del Licata. Il Biancavilla vuole mettere in archivio la trasferta agrigentino per tornare immediatamente a conquistare i tre punti. Orazio Pidatella, tecnico dei gialloblu, ha fatto un punto sul k.o di settimana scorsa e sui prossimi impegni. Queste le dichiarazioni riportate dalla pagina Facebook ufficiale della società biancavillese: "Abbiamo tenuto duro a Licata fino all'1-0, ma questo non è un fattore positivo, perché noi sia con la Cittanovese sia con il Roccella, abbiamo disputato la nostra onesta partita, e purtroppo non siamo riusciti a fare lo stesso al Dino Liotta e siamo stati puniti, e quando non arriva la giusta prestazione è giusto che si perda".

CONSAPEVOLEZZA - L'allenatore classe 1970 cerca di tratte i punti positivi della sconfitta di domenica scorsa: "Siamo consapevoli di tutto, non ci siamo mai sentiti imbattibili, neanche dopo Palermo. Bisogna dimenticare questa sconfitta, ma fino ad un certo punto, perché bisognerà ricordarsela, piuttosto, quando riscenderemo in campo, perché bisognerà essere arrabbiati ed aggressivi, bisognerà lottare su ogni pallone. Domenica scorsa abbiamo perso tanti contrasti e tanti palloni, soprattutto nel primo tempo, e per questo dobbiamo ripartire dalle prime due gare perché nessuno ci ha mai regalato nulla".

MIGLIORAMENTI - Cura dei dettagli e attenzione alle ingenuità. Pidatella sprona i suoi giocatori: "I prossimi due match saranno in casa, ma serve a poco in questa categoria. Io ed il mio staff guardiamo sempre le gare degli avversari e notiamo che, la maggioranza dei gol realizzati arrivano o per ingenuità o grazie ad eurogol. Noi abbiamo subito una sconfitta meritata domenica, ma abbiamo anche commesso delle ingenuità. Ingenuità che si dovranno evitare, perché in questa categoria ti castigano subito.Dobbiamo rimanere ordinati ed aggredire l'avversario".

Antonino Lo Re