La storia del tifoso del Catania a Francavilla: "Passione infinita" - I AM CALCIO CATANIA

La storia del tifoso del Catania a Francavilla: "Passione infinita"

Tifosi a Francavilla Fontana
Tifosi a Francavilla Fontana
CataniaSerie C

La prima gara del 2020 per il Catania si è chiusa con un pareggio a reti inviolate. La squadra di Cristiano Lucarelli ha raccolto un punto contro la Virtus Francavilla che muove, seppur di poco, la classifica.

La situazione in casa etnea è difficile tra un girone d'andata sottotono e le voci di cessione societaria sempre più rircorrenti (e un piano di ridimensionamento economico da attuare).

La passione dei tifosi, però, non è scalfita nemmeno dal momento complicato. Certo, i supporters del Catania hanno abituato l'opinione pubblica a veri "esodi di massa" in trasferta (soprattutto negli anni della A), dunque fa sensazione leggere la notizia, apparsa sul quotidiano La Sicilia, dell'unico tifoso rossazzurro a Francavilla Fontana, che ha sfidato freddo e gelo per assistere al match degli etnei.

La redazione di IAM Calcio Catania ha contattato "l'impavido" tifoso rossazzurro, vero e proprio irriducibile. Si chiama Rosario Bertolo, originario di Catania, vive a Lecce per motivi di studi, ha 28 anni e studia archeologia all'università del Salento (nella foto in primo piano il secondo, ndr).

Rosario tiene subito a precisare che i tifosi a Francavilla Fontana erano due: "Ad onor del vero i tifosi presenti eravamo due, non so perché l'altro non risulti onestamente. Siamo stati noi ad attaccare il cartellone, lo ha portato l'altro ragazzo. Poi c'erano i parenti di Di Piazza e Pinto, con cui ho fatto la conoscenza. Sono venuti in massa perché abitano a Locorotondo, quindi in zona".

Una passione, quella del Calcio Catania, ormai ventennale: "Mastico calcio e Catania da quando sono ragazzino, ho 28 anni e lo seguo almeno da 20. Non ricordo benissimo gli anni dell'eccellenza e della D ma quelli della C2 e C1 sì. Ricordo il play off con l'Avellino trasmesso al Pala Catania, ci andai con mio padre, che mi portò pure a molte partite, dai derby con l'Atletico alle partite play off con il Taranto. Lui poi andò pure a Taranto ma io non potevo, troppo pericoloso. Ricordo benissimo gli anni della B, andavo molto spesso allo stadio e ho visto parecchie partite decisive, anche Catania-Albinoleffe". 

I ricordi si mescolano ai successi del Catania: "Come non ricordare gli anni della A, stupendi, il primo anno, mio padre mi fece l'abbonamento e lo sfruttammo solo per l'andata, dopo quel tragico Catania Palermo. Ma gli anni successivi andavo spesso allo stadio. Ho visto giocare l'Inter del triplete, il Milan con Ibra, la Juve con Del Piero e tanti altri campioni, mi rimarrà indelebile la sconfitta contro la Juve, con gol annullato a Bergessio. Poi ho rifatto l'abbonamento quando siamo scesi in B. Quell'anno è stato terribile. Io andavo sempre, anche in un Catania-Carpi, con pioggia e 500 persone allo stadio. Poi ho fatto l'abbonamento nei primi due anni in C, ho visto alti e bassi, purtroppo più bassi. Poi non ho potuto fare l'abbonamento perché sono andato a studiare a Lecce, mi sono laureato a Catania e sto facendo la specialistica a Lecce, e sono andato in quasi tutte le trasferte pugliesi, Lecce 1 volta perché le altre vietate, Francavilla 3 volte, 2 delle quali a Brindisi e due volte a Monopoli".

Spazio, infine, alla situazione attuale del Catania: "La vivo male come tutti quelli che hanno a cuore il Catania. Ovviamente non ne faccio una ragione vitale ma ricordando gli anni gloriosi mi si chiude il cuore a vedere la situazione di oggi. Spero che la società venda a persone fidate e spero che il Catania torni come prima, ma che soprattutto i tifosi tornino allo stadio e alle trasferte e non mi lascino più da solo o quasi. È stato triste essere solo in due".

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM  

IAM CALCIO CATANIA per voi: due strumenti per sapere tutto sul Catania!     

IL GRUPPO SU WHATSAPP   

Il Canale dedicato ai TIFOSI del CATANIA.  Entra tramite link di invito (clicca qui) 

L'APP     

Ecco TIFO CATANIA, l'app per la tua squadra di calcio

Andrea Carlino

Leggi altre notizie:CATANIA Serie C