Catania, Lucarelli: "Bojinov? Pescara offre di più. Su Lo Monaco..." - I AM CALCIO CATANIA

Catania, Lucarelli: "Bojinov? Pescara offre di più. Su Lo Monaco..."

Cristiano Lucarelli
Cristiano Lucarelli
CataniaSerie C

Il tecnico del Catania, Cristiano Lucarelli, ha parlato in conferenza stampa prima della gara contro la Ternana: "Ternana? Daremo il tutto, dobbiamo fare qualcosa di grande. Questa è una partita su cui dobbiamo ragionare sul 2-0 e cercare di portarla avanti il più a lungo possibile. Dobbiamo fare una partita d'attacco senza rischiare di fare finire l'eliminatoria dopo 5 minuti. Ci vuole equilibrio. Le dichiarazioni del presidente della Ternana? Mi sembra un presidente ambizioso e un po’ umorale. Le prendo come uno sfogo, non credo che snobberanno la Coppa Italia. L'arrivo di Bojinov? Il biglietto aereo Sofia-Roma l'ha fatto. La carriera parla per lui ed è integro: normale che abbia deciso di prendersi un po' di tempo per riflettere. E' da sottolineare che, nonostante tutto, lasci aperta la porta anche a noi. Altri offrono cinque volte di più. Non possiamo competere economicamente con squadre della A turca, svizzera o belga. Noi possiamo proporgli un progetto e dargli maggiori certezze legate all'impiego rispetto ad altre parti. Se non arriva lui, non credo faremo altro sul mercato. Lo Monaco? Quello che ha fatto per il club in questi anni è sotto gli occhi di tutti e gli è stato riconosciuto da tutto il calcio italiano. Non ho cambiato la mia idea. Il ritorno dei tifosi? Credo sia legato all'apprezzamento del nostro impegno. Di Natale? Il nuovo amministratore delegato è una persona molto propositiva che per carattere tende a unire e a sanare certe situazioni, questo non può fare altro che bene al Catania. Mi sento meno solo? Un allenatore è sempre solo. Mi pare che si stia cercando di sistemare le cose. Dalla prossima settimana contiamo di tornare ad offrire alcuni allenamenti a porte aperte".

E sulla formazione: "Welbeck non è pronto per giocare 90 minuti. Tre mesi di totale inattività sono tanti e poi non ci sarebbe motivo di forzarlo in mezzo, dove abbiamo alternative. Non penso alla Reggina, rispetto a domenica farò delle sostituzioni nei ruoli in cui ho elementi affaticati. Dietro non si tocca niente, in mezzo potrei cambiare qualcosa e dare un po’ di freschezza all’attacco. Beleck? Giocherà dal primo minuto. Curiale? Nella migliore delle ipotesi servono 30-40 giorni”.

La Redazione

Leggi altre notizie:CATANIA Serie C