Catania, Di Natale: "Lo Monaco? Mai dimesso da direttore generale" - I AM CALCIO CATANIA

Catania, Di Natale: "Lo Monaco? Mai dimesso da direttore generale"

Giuseppe Di Natale
Giuseppe Di Natale
CataniaSerie C Girone C

Giuseppe Di Natale, nonostante le voci degli scorsi giorni, è rimasto amministratore delegato del Catania. L'ex commissario prefettizio del Cara di Mineo è intervenuto quest'oggi ai microfoni dei colleghi di Antenna Uno Notizie, rilasciando una lunga intervista.

NUOVI INNESTI - "Il nuovo Cda giustamente ha al suo interno delle attività che si sono diversificate rispetto alla configurazione precedente. Oggi c’è una distribuzione diversa che garantisce l’operatività dell’Amministratore Delegato ma attribuisce anche alcune deleghe al Presidente ed al vice Presidente. Si tratta di 16 deleghe. Sono rimasto, questo è il punto di arrivo. Poi come tutti i programmi aziendali c’è stata un’attività che aveva anche previsto la possibilità che io non fossi confermato, ma questa non si è concretizzata ed io, con grande senso di responsabilità, ho accettato di continuare sebbene avrei potuto avere motivi validi per mollare. Ma ho sentito molto forte il senso di responsabilità verso chi lavora nel Calcio Catania, i tifosi, la struttura sociale, la città. Queste componenti sono efficaci e per il mio modo di pensare e vivere hanno avuto un ruolo determinante nella scelta. Scelta molto difficile ma compiuta con senso di responsabilità".

LO MONACO - "Lui è ancora nell’organigramma del Catania. A me non piace parlare delle figure che mi hanno preceduto perché lo ritengo superfluo. Lo Monaco ha avuto il ruolo di A.D. e D.G., ad un certo punto si è dimesso da A.D. per le sue motivazioni e questo ha creato nella società la necessità di trovare un sostituto. Da qui è partito tutto quello che porta ad oggi. Lo Monaco non ha mai ritenuto di dimettersi da D.G., quindi ricopre tale ruolo senza deleghe legato da un contratto. Un ruolo più di forma che di sostanza. Per motivi meramente logistici è venuto in sede un paio di volte, non di più". 

STIPENDI NON PAGATI - "Mancato pagamento degli stipendi? Non sono né ottimista né pessimista. I momenti sono molto complessi, ognuno di noi sta facendo correttamente gli interessi del Catania. Faremo di tutto perché i nostri interessi, che poi sono gli interessi dello sport, della città, della società, vengano portati avanti in modo legittimo e senza speculazioni da parte di nessuno. Evidenzio che la società ha una sofferenza pluriennale e ci siamo trovati a dimissioni avvenute a dicembre, a situazioni molto difficili e complesse. L’obiettivo è quello di tutelare al meglio la società e il titolo sportivo. Noi siamo stati trasparenti e continueremo ad esserlo.

DIRIGENZA - "Il mio gruppo ha fatto un lavoro straordinario, un uomo solo non conclude niente. Ho la fortuna di avere una squadra, un team anche a livello dirigenziale di altissimo livello. Da Serie A. Da palermitano sono stato accolto in modo importate da tutti. Potrebbero sembrare parole decontestualizzate o quasi ipocrite le mie, ma così non è. Sento non solo le condizioni, l’appoggio e l’affetto dei tifosi, della società e dell’ambiente. Sento anche concretamente l’aiuto. Ci sono una serie di segnali inequivocabili che mi hanno dimostrato che quando la società ha chiamato a raccolta tutte le figure che possono partecipare al progetto, queste hanno risposto. Tifosi, ambiente, stampa, collaboratori, dirigenti, staff tecnico, tutti”.

Antonino Lo Re

Leggi altre notizie:CATANIA Serie C Girone C